Dal Sudafrica, ecco l’honeybush

Camellia si è arricchita di un nuovo arrivo dal Sudafrica: l’honeybush, letteralmente “arbusto del miele”. Proviene dalla provincia di Eastern Cape, ad est di Cape Town.

Langkloof, Eastern Cape
Langkloof, Eastern Cape

L’honeybush è un arbusto leguminoso, appartenente al genere Cyclopia, caratterizzato da una ricca fioritura profumata di miele, a cui deve il nome. Dato l’habitat particolare, asciutto e secco, la produzione non è abbondante. Diverse varietà vengono lavorate per produrne infusi, l’honeybush di Camellia in particolare è una “Cyclopia intermedia”.

Sia le foglie, sia i fiori vengono sottoposti ad un processo di sminuzzamento, ossidazione, per essere poi essiccati al sole.

Cyclopia meyeriana
Cyclopia meyeriana

L’infusione produce un liquore di un profondo color caramello, dal profumo mielato e avvolgente. L’aroma intenso e fruttato ricorda il miele. Dolce e profumato, risulta più corposo rispetto al suo famoso connazionale, il rooibos.

Una caratteristica dell’honeybush è che l’infusione, anche se prolungata, non diventa amara, profumando invece l’ambiente.

Le sue proprietà sono molteplici: completamente privo di caffeina, è invece ricco di sali minerali, quali calcio, fosforo e potassio; è inoltre ricco di sostanze antiossidanti in grado di bloccare la produzione di radicali liberi, molecole che possono danneggiare le nostre cellule. Per confronto, 100 ml di infuso di honeybush contengono circa 4 volte la quantità di antiossidanti di 100 ml di olio extravergine!

Scritto da Donata bevendo una dolce tazza di Honeybush Bio.